Ultima modifica: 2 febbraio 2017

Valutazione

L’essenziale momento della valutazione non può che muovere dalle considerazioni contenute in proposito nelle Indicazioni Nazionali:

 “Agli insegnanti competono la responsabilità della valutazione e la cura della documenta­zione, nonché la scelta dei relativi strumenti, nel quadro dei criteri deliberati dagli organi collegiali. Le verifiche intermedie e le valutazioni periodiche e finali devono essere coerenti con gli obiettivi e i traguardi previsti dalle Indicazioni e declinati nel curricolo. La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Attiva le azioni da intraprendere, regola quelle avviate, promuove il bilancio critico su quelle condotte a termine. Assume una preminente funzione formativa, di accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo. Occorre assicurare agli studenti e alle famiglie un’informazione tempestiva e trasparente sui criteri e sui risultati delle valutazioni effettuate nei diversi momenti del percorso scolastico, promuovendone con costanza la partecipazione e la corresponsabilità educativa, nella distin­zione di ruoli e funzioni.
Alle singole istituzioni scolastiche spetta, inoltre, la responsabilità dell’autovalutazione, che ha la funzione di introdurre modalità riflessive sull’intera organizzazione dell’offerta educativa e didattica della scuola, per svilupparne l’efficacia, anche attraverso dati di rendicontazione sociale o emergenti da valutazioni esterne. Il sistema nazionale di valutazione ha il compito di rilevare la qualità dell’intero sistema sco­lastico, fornendo alle scuole, alle famiglie e alla comunità sociale, al Parlamento e al Governo elementi di informazione essenziali circa la salute e le criticità del nostro sistema di istru­zione. L’Istituto nazionale di valutazione rileva e misura gli apprendimenti con riferimento ai traguardi e agli obiettivi previsti dalle Indicazioni, promuovendo, altresì, una cultura della valutazione che scoraggi qualunque forma di addestramento finalizzata all’esclusivo superamento delle prove.
La promozione, insieme, di autovalutazione e valutazione costituisce la condizione decisiva per il miglioramento delle scuole e del sistema di istruzione, poiché unisce il rigore delle procedure di verifica con la riflessione dei docenti coinvolti nella stessa classe, nella stessa area disciplinare, nella stessa scuola o operanti in rete con docenti di altre scuole. Nell’aderire a tale prospettiva, le scuole, al contempo, esercitano la loro autonomia partecipando alla riflessione e alla ricerca nazionale sui contenuti delle Indicazioni entro un processo condiviso che potrà continuare nel tempo, secondo le modalità previste al momento della loro ema­nazione, nella prospettiva del confronto anche con le scuole e i sistemi di istruzione europei.”

Riferimenti normativi DPR n.122_2009

criteri valutazione _infanzia
Titolo: criteri valutazione _infanzia (298 clicks)
Etichetta:
Filename: criteri-valutazione-_infanzia.pdf
Dimensione: 529 KB
criteri valutazione_primo ciclo
Titolo: criteri valutazione_primo ciclo (317 clicks)
Etichetta:
Filename: criteri-valutazione_primo-ciclo.pdf
Dimensione: 455 KB
DPR n.122_2009
Titolo: DPR n.122_2009 (11 clicks)
Etichetta:
Filename: dpr122_2009.pdf
Dimensione: 53 KB